Commenti al Piano e-gov 2012 del governo


I commenti sono articolati per obiettivo

Commenti di tipo generale


Il Piano Egov 2012: un piano senza visione e senza risorse, praticamente inutile

Il Piano Egovernment 2012, mostra ancora una volta l’assenza di progettualità di questo governo e la volontà di proseguire con la politica degli annunci, con l’evidente assenza di risorse.
Possiamo senz’altro apprezzare lo sforzo del Ministro Brunetta di organizzare il piano con delle schede-progetto, riassumendo gran parte dei progetti pre-esistenti e premettendo un’analisi forse anche eccessivamente negativa della situazione di arretratezza italiana sul fronte dell’Innovazione Tecnologica.
Ma il nostro apprezzamento termina qui, e non attenua la valutazione fortemente critica che non possiamo non avere davanti a questa ennesima prova di incapacità progettuale del governo.
Sono tre gli aspetti che portano soprattutto a questa valutazione: l’assenza di progettualità, di credibilità e l’incoerenza tra questo piano e le altre azioni del governo.

La progettualità è assente. Il piano è una collezione di progetti, senza visione comune.
La sezione dedicata alla governance è solo il riepilogo delle funzioni degli enti e delle Commissioni già presenti, mentre su alcuni capitoli fondamentali, come quello delle Infrastrutture, il piano è latitante.
Dopo aver puntualizzato l’arretratezza culturale italiana sull’uso di Internet, non c’è nessuna azione progettata per contrastarla.
Non ci sono, allo stesso modo, azioni di impatto sul fronte del technology transfer, a supporto dell’università e del rapporto tra centri di ricerca e imprese.
Ad esempio, l’obiettivo 2 sull’Università si riduce all’introduzione del wi-fi e l’obiettivo 23 sul technology transfer si riduce a rilanciare l’Agenzia sull’Innovazione, senza specificare quali attività siano in piano.

La credibilità è direttamente proporzionale alle risorse disponibili: dei 1388 milioni necessari, ben 1133 sono da reperire. In sostanza, è stato presentato un piano che in gran parte (vedi capitoli non secondari come ad esempio quelli sulla Giustizia, sull’Ambiente, sui Beni Culturali) non ha le risorse finanziarie necessarie per il 2009, in alcuni casi contiene progetti con costi ancora da definire (vedi capitoli Mobilità Mezzi e Persone, Servizi in Banda Larga, solo per citarne due), in altri ancora (Infrastrutture, Agricoltura) anche i progetti sono da definire (aggiornamento al 21 marzo 2009).
Un Piano che ha quindi lo stile e l’estetica di un piano strutturato, ma i contenuti sono tali che non sarebbe accettabile in un ambito aziendale.
Quale credibilità per un piano di questo genere, incompleto e non coperto finanziariamente neanche sull’anno in corso?

Il terzo aspetto negativo è l’incoerenza tra questo piano e le altre azioni governative.
L’esempio più eclatante è quello del capitolo Scuola, che vedrà notevoli tagli nel bilancio e nelle ore di didattica, e dove si pretende di lanciare dei progetti che avrebbero bisogno di un notevole investimento in strutture (oggi in gran parte non idonee secondo la legge sulla sicurezza) e in formazione dei docenti.

In conclusione: un piano poco accurato, senza le risorse necessarie e senza un’idea progettuale ed organica sull’area dell’innovazione. Per la situazione italiana, di grave ritardo, è un piano inutile.

inserisci qui il tuo commento

Commenti specifici per obiettivo


Obiettivi settoriali
Obiettivo 1: Scuola
Si cerca di vivere di rendita rispetto alle iniziative già avviate dal precedente governo Prodi, come l'iniziativa Innovascuola, a cui non viene aggiunto, di fatto, nulla.
Lascia stupefatti anche l’obiettivo che ci si propone: informatizzare 3 aule per scuola per il 2012. Obiettivo del tutto inconsistente di fronte alla necessità di introdurre le nuove tecnologie come strumento didattico quotidiano. E ancora di più contraddittorio se associato alla volontà di fornire a tutti i bambini della scuola primaria un pc low-cost. Se centrato, il raggiungimento di questo obiettivo ci consoliderebbe come fanalino di coda in ambito europeo sulle nuove tecnologie.

inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 2: Università
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 3: Giustizia
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 4: Saluteinserisci qui il tuo commento

Obiettivo 5: Impreseo
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 6: Sicurezza e libertà civili
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 7: Affari Esteri
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 8: Ambiente
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 9: Turismo
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 10: Beni culturali
inserisci qui il tuo commento


Obiettivo 11: Gioventù, pari opport. e aff. soc.li
inserisci qui il tuo commento


Obiettivo 12: Mobilità mezzi e persone
inserisci qui il tuo commento


Obiettivo 13: Infrastrutture
Ancora il governo non sa che fare. Manca la scheda progetto al 21 marzo 2009!!
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 14: Agricoltura
Ancora il governo non sa che fare. Manca la scheda progetto al 21 marzo 2009!!
inserisci qui il tuo commento

Obiettivi territoriali
Obiettivo 15: Anagrafi
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 16: Dati territoriali
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 17: Carte dei servizi
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 18: Servizi in banda larga
inserisci qui il tuo commento

Obiettivi di sistema
Obiettivo 19: Trasparenza ed efficienza della PA
Il fatto che abbia sofferto un po' per capire dove mettere questo commento la dice lunga... Non si parla MAI di Open Source nella PA... Ma visto che vogliono risparmiare e migliorare la trasparenza e l'efficienza... forse... magari potrebbero approvare il DDL presentato da Vita e Vimercati: http://unaleggeperlarete.wordpress.com/

Obiettivo 20: Dematerializzazione
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 21: Sistema pubblico di connettività
Ancora il governo non sa che fare. Manca la scheda progetto al 21 marzo 2009!!
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 22: Rapporto cittadino-PA
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 23: Trasferimento know-how innovazione
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 24: Sicurezza dei sistemi informativi e reti
inserisci qui il tuo commento


Obiettivi internazionali
Obiettivo 25: e-governance per lo sviluppo
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 26: Governance di Internet
inserisci qui il tuo commento

Obiettivo 27: Raccordo con Ue e OCSE
inserisci qui il tuo commento